Caccia Pesca Sport Edicola ~ Mamia ~ Badesi (OT)

TABELLA FUNGHI

Guida funghi: quelli buoni e quelli velenosi, foto

ATTENTI AI FUNGHI !

Ecco come riconoscerli

Dal "falso prataiolo" alla temibile "amanita falloide": quali sono le specie più pericolose, con un confronto fotografico

 

Arriva l'autunno ed è tempo di funghi. Porcini, ovuli, chiodini e prataioli sono una gioia per il palato, ma la loro riconoscibilità non è affatto semplice. L'esperienza "sul campo" del bravo fungaiolo è senz'altro l'arma migliore per evitare brutte sorprese, intossicazioni e avvelenamenti talora mortali. 

L'occhio esperto e allenato distingue in pochi secondi le specie buone da quelle cattive e tossiche. Ma il pericolo è sempre dietro l'angolo, soprattutto quando si ha a che fare con varietà facilmente confondibili che, per l'imperizia e la scarsa attenzione, possono finire nel cesto e poi sulla tavola imbandita.

Camminare nei boschi in cerca di funghi può essere un ottimo passatempo anche per i meno esperti, a patto di non sottovalutare i pericoli che ne possono derivare. Ecco allora una semplice guida nella raccolta, incentrata sul confronto, anche fotografico, tra alcune varietà buone (quelle più comuni) e quelle tossiche ma molto simili alle prime nell'aspetto esteriore. 

   I PORCINI CATTIVI - Se il porcino è il principe dei boschi, il fungo prelibato per antonomasia, vi sono alcune specie confondibili con quelle commestibili. Come il
 
boletus_satanas-2
 
  BOLETUS SATANAS, noto anche come "porcino malefico" (foto a sinistra). E’ uno dei pochissimi Boletus (nome latino della famiglia dei porcini) sicuramente velenosi: provoca vomiti persistenti, specialmente se consumato crudo. Predilige terreni calcarei, in boschi caldi ed assolati di latifoglia. Al taglio, ha un colore bluastro/viola.
 
 
 
 
 
 
  boletus purpureus-2
 
 
 
 
 LE AMANITE - Sono tra i funghi più diffusi, colorati e pericolosi del bosco
amanita muscaria-2 
  AMANITA MUSCARIA (foto a sinistra): chiamata comunemente “ovulo malefico” o “fungo   di Biancaneve”,  è uno dei funghi velenosi più "spettacolari" del bosco. Molto diffuso, cresce in estate ed autunno in boschi di conifere e latifoglie. Il suo nome può erroneamente ricondurre ad  una tossina, la muscarina, che in realtà è contenuta nel fungo solo in minima quantità. I principi biologicamente attivi contenuti (in quantità totale circa del 20% ) nell'Amanita muscaria sono derivati dell'isoxazolo: l’acido ibotenico, il muscimolo edil muscazone. Queste molecole sono psicoattive, essendo in grado di indurre uno stato di intossicazione simile a quello prodotto dall’alcool etilico con fenomeni di eccitazione, sedazione, allucinazioni. 
 
 
 
 
 
 
amanita pantherina-2
 
 
AMANITA PANTHERINA (foto a destra)è un fungo velenoso molto comune. Provoca avvelenamento di tipo neurotropico. La sua tossicità è senz’altro superiore a quella dell’Amanita muscaria, per una concentrazione più alta di tossine. Cresce nei boschi di latifoglie e conifere nel periodo estate/autunno. 
 
 
 
 
 
 
 
amanita_phalloides-3  
 
 AMANITA PHALLOIDES (foto a sinistra), conosciuta anche come amanita verdognola. E’ il fungo più terribile tra quelli conosciuti: il suo altissimo tasso di velenosità non lascia quasi mai scampo. Nella quasi totalità dei casi ha un esito mortale. Le confusioni possono verificarsi quando si crede di aver raccolto un ovulo buono (detto AMANITA CAESAREA, ottimo commestibile) ancora racchiuso nelle sua volva.
 
 
 
 
 
 
 
 
 
amanita verna-2  
  AMANITA VERNA (foto a sinistra), velenoso mortale: è uno dei funghi più pericolosi che esistano, in quanto facilmente confondibile con prataioli commestibili. Infatti i raccoglitori più inesperti spesso hanno la cattiva abitudine di raccogliere i funghi recidendo il gambo: così facendo non si accorgono della volva, che in questa specie è completamente "interrata" e quindi non visibile, nonostante sia piuttosto grossa e vistosa. 
 
 
 
 
 
 
 
 
amanita virosa-2
 
AMANITA VIROSA (foto a destra) è un fungo velenoso mortale, estremamente 
pericoloso. La sua ingestione provoca avvelenamenti con esito quasi sempre mortale. Molto simile alla "phalloides", dalla quale si differenzia per il colore bianco, e all'Amanita verna, dalla quale si distingue per la forma campanulata del cappello anche da adulto, per il gambo lanuginoso e l'anello fioccoso.
 
 
 
 
 
 
 
 
falso prataiolo-2
 
PRATAIOLO - Il fungo nella foto a sinistra è il "falso prataiolo" (AGARICUS XANTHODERMUS). E' tossico e può provocare disturbi gastroenterici. Tuttavia, la tossicità di
 questa specie non è costante, in quanto a volte chi la consuma non accusa problemi gastro-intestinali. E' comunque consigliabile la non raccolta. Lo si riconosce per via del suo odore sgradevole e perché la carne alla base del gambo è di colore giallo paglierino. Cresce soprattutto in autunno, nei prati, nelle zone erbose e nei parchi cittadini.
 
 
 
 
 
 
 
 prataiolo buono-3
 
l'AGARICUS CAMPESTRIS (prataiolo più ricercato e diffuso, ottimo), nella foto a destra.
 
 
 
 
 
 
 
 
 
falsa spugnola-2 
 
 LE SPUGNOLE - GYROMITRA ESCULENTA: falsa spugnola (vedi foto a sinistra). Considerata per lungo tempo commestibile, come lascia presumere il suo nome, si è invece rivelato un fungo tossico e pericoloso, specialmente se consumato crudo. Anche dopo la cottura, l'ingestione della 
specie in quantità elevate può risultare velenosa e pericolosa per la vita.
 
 
 
 
 
 
 
 
 spugnola buona-2
 
MORCHELLA ESCULENTA (spugnola buona, vedi foto a destra), molto buona, ma come tutte le morchelle va consumato previa bollitura in quanto contiene acido elvellico, micotossina termolabile.  
 
 
 
 
 
 
 
 
 
falso chiodino-2
 
 I CHIODINI - Anche qui può esserci confusione tra specie simili. L'Hypholoma fasciculare (vedi foto a sinistra) è il falso chiodino. Velenosissimo se ingerito in quantità, provoca disturbi gastrointestinali spesso gravi. Ha sapore amaro e odore sgradevole, superficie del cappello completamente liscia e priva di decorazioni. Si riproduce da aprile a novembre, un po' ovunque, in grandi cespi su tronchi o su ceppaie o su terreno vicino a vecchi alberi. Cresce sia su legno morto che su legno vivo. 
 
 
 
 
 
 
 
chiodino buono-2
 
l’ARMILLARIA MELLEA (Chiodino buono, vedi foto a destra), riconoscibile per il gambo più tozzo e sodo.
 
 
 
 
 
 
 
 
 
falsa mazza di tamburo-2
 
   MAZZA DI TAMBURO - La LEPIOTA CRISTATA (vedi la foto a sinistra) è la falsa mazza di tamburo. E' un fungo molto pericoloso, che provoca intossicazioni simili a quelle da Amanita phalloides, quindi potenzialmente mortali. Si trova in
gruppi numerosi ai margini dei sentieri e dei boschi, in estate ed autunno. Comune e diffuso.
 
 
 
 
 
 
 
mazza di tamburo-2
 
MACROLEPIOTA PROCERA (la vera mazza di tamburo, vedi la foto a destra), che è uno dei più vistosi, conosciuti ed apprezzati funghi commestibili.
 
 
 
 
 
 
 
 
Omphalotus_olearius-2 
  I GALLETTI O GALLINACCI - L'OMPHALOTUS OLEARIUS (vedi la foto a sinistra) è il fungo dell'olivo. E’ assai pericoloso, facilmente riconoscibile per il colore arancio e per via delle lamelle decorrenti e bioluminescenti, cioè visibili al buio per via di alcuni pigmenti. Fungo lignicolo, pericolosamente velenoso, provoca sindromi gastrointestinali pesanti.
 
 
 
 
 
 
 
gallinaccio o galletto-2
 
 
CANTHARELLUS CIBARIUS (gallinaccio o galletto, vedi la foto a destra), indubbiamente uno dei funghi più buoni, apprezzati e conosciuti.
 
 
 
 
 
 
 
 
ramaria formosa-2 ALTRI FUNGHI PERICOLOSI - La RAMARIA FORMOSA è anche conosciuta come "manina" (vedi foto a sinistra). E' una specie tossica, con forte azione lassativa. Cresce nei boschi di latifoglie, inodore, con sapore lievemente amaro, presenta la seguenti caratteristiche cromatiche: tre colori da giovane, tronco bianco, rami primari rosa e secondari gialli, con l’età queste colorazioni si uniformano e come molte Ramaria assume un colore giallastro. Rami numerosi e molto fitti. Si sconsiglia il consumo delle Ramaria, perché o sono tossiche o comunque insipide ed indigeste, e sempre di difficile differenziazione. 
 
 
 
 
 
 
 
russula ermetica-2 
 
  La RUSSULA ERMETICA, detta anche “Colombina rossa” (vedi foto a sinistra). Tossico, irritante delle mucose, responsabile della sindrome gastroenterica, anche con gravi conseguenze. E’ un fungo molto comune che cresce nei boschi sia di conifere che di latifoglie. Lo Scleroderma citrinum (vedi foto a destra) è una specie non commestibile, che può provocare disturbi gastrointestinali e avvelenamenti seri se ingerito in quantità. Spesso cresce in colonie di numerosi individui, nei boschi di latifoglia oppure nei parchi cittadini e a volte anche in piccole aiuole.
 
 
 
 
 
 
Coprinus-atramentarius-2
 
  COPRINUS ATRAMENTARIUS - Velenoso. Se la sua ingestione è abbinata a quella di sostanze 
  alcoliche (anche fino a 72 ore di distanza), provoca la sindrome coprinica, altrimenti detta 
   “effetto antabuse”; in pratica un amminoacido in esso contenuto, la coprina, interferisce con la normale metabolizzazione dell’alcol da parte del nostro organismo, provocando disturbi intestinali   e  cardiovascolari, nausea e mal di testa.
 
 
 
 
 
 cortinarius_orellanus-2
 
CORTINARIUS ORELLANUS - E’ un fungo mortale tardo autunnale, un po' raro in Italia ma fedele ai luoghi di crescita. Colpisce i reni con latenza assai lunga (3-14 giorni dall'ingestione).
In ogni caso, a seguito dell'insufficienza renale acuta, può essere necessaria la dialisi (spesso permanente) oppure il trapianto del rene.
 
 
   

TABELLA PURAMENTI INDICATIVA PER IL MINIMO DUBBIO RECARSI PRESSO GLI UFFICI ASL DI COMPETENZA UNICI ORGANI ABILITATI AL RICONOSCIMENTO DEI FUNGHI COMMESTIBILI



 

 


Immagini

ANTONELLO _ TEO.jpg
ANTONELLO & TEO - ANTUNNA

Vai alla Galleria


Eventi:

Gli ultimi eventi inseriti

2014-06-01
VELEGGGIATA 13 MEMIORIAL PIERO CARTA - ISOLA ROSSA....
(Leggi tutto)

2014-04-12
GIORNATA ECOLOGICA - BADESI E TRINITA' D'AGULTU....
(Leggi tutto)

2013-09-14
VELEGGIATA REGATA TRE TORRI....
(Leggi tutto)

Per vedere la lista completa degli Eventi clicca Qui

Meteo

Per vedere le previsioni clicca sull' Immagine

Clicca qui per il meteo

Live Cam

Clicca qui per il meteo


 

Visitatori on-line: | Visitatori Oggi: | Pagine Viste Oggi: | Visitatori Totali: | Totale Pagine Viste:

Layout, Style & Developing by TheAnimal ®